Vera Montagna il Piccolo Sas de Pütia m. 2.810

foto di Luciano Magni Berg

Le Montagne non si “conquistano”, la vetta si guadagna, spesso, con fatica, a volte affrontando pericoli o difficoltà, ma non è mai una conquista!!! ma un premio che riceviamo con la gioia, a volte nascosta nel cuore.

Il Piccolo Putia 2810mt, è una meta che non offre grandi difficoltà, ma non è comunque meno appagante di altre cime”aguzze”, certo è che bisogna essere buoni camminatori, avere passo sicuro, conoscere e rispettare la Montagna, siete comunque in un ambiente dove un temporale improvviso o la nebbia che scende possono creare problemi, ma per l’escursionista accorto e prudente, rappresenta una meta da non perdere.

La via più breve parte dal Passo delle Erbe/ Würzjoch/Jü de Börz 1987mt, un passo Dolomitico a cavallo tra la Valle Isarco/Eisacktal con la Val Badia/Abtei, dal Passo con il sentiero 8a, ci si dirige verso la Furcia del Putia, risalendo un canalone roccioso non difficile, la Forcella 2357mt è un punto panoramico di grande interese, l’orizzonte spazia dalle Conturines al Civetta, dalle Odle/Geisler alle Odle di Eores, ed a Nord la corona di Montagne dell’Austria, si rimane incantati dalla magnificenza di queste Montagne.

Il sentiero sale a sinistra entrando in un vallone, la traccia porta poi ad un colletto dove, superato un breve dosso inizia la Ferrata del Putia, sentiero attrezzato che richiede attrezzatura idonea e che raggiunge la vetta del Sas de Putia 2875mt,  mentre poco prima del colletto, il sentiero prosegue a sinistra verso l’evidente vetta del Piccolo Putia 2810mt, una Croce ci accoglie ad indicarci la vetta.

Come sempre consiglio prudenza, attenzione durante la camminata, attrezzatura idonea, scarpe adeguate ai sentieri rocciosi, troppe volte vedo dei “ciabattoni! salire con scarpette da città…