Escursione ai Rifugi dell’Alpe di Fanes da Pederù

il


Immagini di Luciano Magni
Splendida escursione all’Alpe di Fanes,partendo da Pederù in fondo Valle dei Tamersc e raggiungedo poi, gli accoglienti rifugi all’Alpe di Fanes, nostro momentaneo punto di arrivo, ma eccellente punto di partenza per tante ed interessantissime escursioni in ogni stagione…questo in sintesi.
Il Rifugio Pederù 1540mt,punto di partenza con grande parcheggio,si raggiunge dopo dodici chilometri in fondo alla Valle dai Tamersc, proveniendo da San Vigilio di Marebbe, dal Rifugio numerosi sentieri permettono di visitare il Parco di Fanes Sennes Braies, un luogo carico di leggende e storia legate alla tradizione e cultura Ladina, il popolo che da sempre abita, ed aggiungo custodisce con cura ed amore, il territorio dove abitano, sono loro che con la fierezza di essere Ladini, si sono preoccupati di preservare e proteggere questo luogo incantevole.
Dall’accogliente Rifugio Pederù, si sale verso l’Alpe di Fanes percorrendo il sentiero n°7, o la larga carrareccia sterrata, che in circa due ore ci condurrà alla meta odierna, presto lasceremo alle nostre spalle il gruppo delle Lavinores e quando il sentiero spiana, sulla sinistra incontriamo l’effimero Lago Piciodel,1819mt; alla nostra destra il gruppo dei Furcia de Fers ed a sinistra ci sovrasta il Col Bechei mt2794; quasi all’arrivo, lungo il percorso troveremo diverse opportunità di sosta, dalla Malga de Pices Fanes mt2000, posta subito all’inizio dell’Alpe e di seguito l’Utia dle Muntagnoles, poco avanti il bivio per il Rifugio Fanes e Rifugio Lavarella…siamo all’Alpe di Fanes il”Parlamento delle Marmotte”, da fine primavera troveremo il”fiabesco” Lac Vert/Lago Verde,tutt’intorno l’imponente e spettacolare corona delle montagne del Sass dla Crusc, Sass dle Neu, Sass dle Disc.
A noi scegliere ora tra i numerosi sentieri…
Nb. Informatevi sempre sulle condizioni dei sentieri e dell’apertura stagionale dei rifugi.

Annunci